"Grafene":
un premio Nobel che ha favorito a crescita dell' immaginario scientifico .
Paolo Manzelli , 10/GENN/11, www.edscuola.it/lre.html


> La scoperta del Grafene , cioe un semplice foglietto bidimensionale di grafite a dimensione nano-tecnologica (un nanometro = miliardesimo di metro) , ha favorito uno sviluppo dell' immaginario scientifico per le sue numerose possibilita' di applicazione tecnologica .(1)
>
> Il Grafene e stato scoperto da due giovani ricercatori russi Andre K. Geim e Konstantin S. Novoselov ,che hanno ottenuto il Premio Nobel della Fisica 2010, mettendo in evidenza le interessanti proprietà di questo materiale bidimensionale (in 2D) , quali la elevata conducibilita' , la trasparenza , la impermeabilita' e la formidabile durezza tipica del diamante, ma con una elevata flessibilita', pur essendo il grafene un ultra-sottile e leggerissimo foglietto di grafite che nella sua massa tri-dimensionale (3D) , ha notoriamente proprieta' completamente diverse.
>
> Il grande interesse alle possibili applicazioni tecnologiche del Grafene e' conseguenza del fatto che la grafite è un materiale a base di carbonio facilmente reperibile e poco costoso, mentre l'interesse scientifico per Grafene è dovuto al fatto che la peculiare geometria a nido d’ape degli atomi di carbonio, da' origine a particolari proprietà elettroniche. Gli elettroni degli atomi di carbonio essendo confinati a muoversi nel piano bidimensionale entro una rete ad elevata simmetria esagonale, si trovano infatti nelle condizioni simili a quelle della superconduzione a bassa dispersione di energia. Tale proprieta' puo' diventare straordinariamente utile ad es. nel campo della nano-elettronica degli impianti fotovoltaici o dei computer quantistici super-veloci di dimensioni molto piccole rispetto a quelli in uso , e in tutte i casi in cui sara possibile sostituire con il Grafene i chips di silicio.

> Ancora oggi e' necessario comprendere teoricamente come la diversa dimensionalita’ dello spazio da 3D a 2D, conduca a modificare le proprieta' vibrazionali che modificano il campo elettromagnetico del Grafene. Comunque sappiamo che in un sistema superficiale piano (2D) macroscopico , si puo' formare una configurazione di onde stazionarie a causa della sovrapposizione delle onde di ritorno sulla superficie, le quali hanno la propriata di muoversi ritmicamente nel tempo senza trasferire energia nello spazio. (2) .Si pensa pertanto che un simile fenomeno avvenga anche a livello degli elettroni confinati a muoversi su la struttura bidimensionale del Grafene a dimensione nanometrica,cosi da dare luogo ad una configurazione di sovrapposizione planare delle onde, denominata Entanglement Quantistico (3), che rafforza le particolari proprieta' del Grafene rispetto a quelle della grafite normalmente dimensionata nelle dimensioni dello spazio .
>
La risonanza che ha avuto il Premio Nobel sul Grafene , e stata sorprendentemente elevata cosi che si e deciso di di lanciate annualmente la Settimane delle Nanotecnologie (NanoWeek) per aggregare ricercatori e aziende ma anche scuole che vogliano divenire consapevoli consapevoli di come sfruttare le potenzialità delle nanotecnologie per innovare non solo i processi ed i prodotti tecnologici ma anche la cultura della scoperta e della invenzione nella formazione. (4)

In conclusione il Premio Nobel sul Grafene, nello scenario delle nuove tecnologie contemporanee, ha generato una grande attenzione della gente, dando impulso a una importante riflessione generale sulla necessita di comprendere come il cambiamento apportato dalla ricerca scientifica e tecnologica , debba essere condiviso rapidamente in modo che la ricaduta delle recenti scoperte, vista in termini economici e sociali, possa essere tempestiva, come e' richiesto alla attuale crisi strutturale della vecchia produzione industriale basata su obsolete concezioni meccaniche della scienza. La rapidita' nel cogliere ed utilizzare le opportunita' delle nano-tecnologie dipende infatti da lo sviluppo di una “intelligenza strategica” capace di favorire quel cambiamento culturale che oggi si e' reso necessario per favorire nuove alleanze tra ricerca formazione ed impresa. (5)

P.S. Maggiori informazioni sulla prima settimana delle Nano Tecnologie possono essere richieste a : VENETO NANOTECH S.C.p.A.,Via San Crispino 106 - 35129 Padova -Italy
Tel. +39 049 7705500 - Fax. +39 049 7705555; e-mail: info@venetonanotech.it
>
> BIBLIO on LINE br /> > - (1)- Grafene (immagime) : http://kosmofysis.com/universo/astrofisica/506-grafene.html
> - (2)- Onda Piana Stazionaria: http://it.wikipedia.org/wiki/Onda_stazionaria
> - (3)- Entanglement Quantistico : http://www.edscuola.it/archivio/lre/ENTANGLEMENT.pdf
> - (4) - Nano-Week : http://www.nanoweek.it/files/index.cfm?id_rst=312
>- (5)- Intelligenza Stretegica ed Ibridazioni del Sapere : http://www.edscuola.it/archivio/lre/IBRIDAZIONI_DEL_SAPERE.pdf
>
>
CAMBIAMENTO DEI PROCESSI MENTALI
http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQWWWD1NUMig-QIkkLnfW-3WWsl...

Tags: Grafene

Views: 14

Attachments:

Next partner events of TINC

We are Media Partner of:

Welcome - about us

Welcome! Nanopaprika was cooked up by Hungarian chemistry PhD student in 2007. The main idea was to create something more personal than the other nano networks already on the Internet. Community is open to everyone from post-doctorial researchers and professors to students everywhere.

There is only one important assumption: you have to be interested in nano!

Nanopaprika is always looking for new partners, if you have any idea, contact me at editor@nanopaprika.eu

Dr. András Paszternák, founder of Nanopaprika

Publications by A. Paszternák:

The potential use of cellophane test strips for the quick determination of food colours

pH and CO2 Sensing by Curcumin-Coloured Cellophane Test Strip

Polymeric Honeycombs Decorated by Nickel Nanoparticles

Directed Deposition of Nickel Nanoparticles Using Self-Assembled Organic Template,

Organometallic deposition of ultrasmooth nanoscale Ni film,

Zigzag-shaped nickel nanowires via organometallic template-free route

Surface analytical characterization of passive iron surface modified by alkyl-phosphonic acid layers

Atomic Force Microscopy Studies of Alkyl-Phosphonate SAMs on Mica

Amorphous iron formation due to low energy heavy ion implantation in evaporated 57Fe thin films

Surface modification of passive iron by alkylphosphonic acid layers

Formation and structure of alkylphosphonic acid layers on passive iron

Structure of the nonionic surfactant triethoxy monooctylether C8E3 adsorbed at the free water surface, as seen from surface tension measurements and Monte Carlo simulations